Fineconomy - Wall Street conferma una marcia in piu’ con il Nasdaq
Podcast07/05/2020

Wall Street conferma una marcia in piu’ con il Nasdaq

Con la prima settimana di maggio che si avvia a conclusione, la Borsa di New York conferma di avere una marcia in più rispetto alle altre piazze globali. A trainare l’azionario americano è sempre il Nasdaq, l’indice dei titoli tecnologici, con i futures che nella mattinata europea si muovono ormai a qualche centinaia di punti dai record pre-coronavirus.

La marcia in più delle azioni a stelle e strisce è fatta soprattutto di due fattori. Il primo è il peso dei colossi tecnologici, che non solo hanno retto meglio degli altri l’impatto della pandemia, ma in alcuni casi, come nell’e-commerce e nei servizi digitali, hanno addirittura tratto beneficio dal nuovo scenario.

Il secondo fattore consiste invece nella determinazione di Fed e Amministrazione USA nelle misure assolutamente senza precedenti adottate per sostenere la ripartenza dell’economia dopo il blocco auto-imposto per limitare la diffusione della pandemia.

Entrambi questi fattori sono meno forti in Europa, dove gli indici azionari vedono invece la prevalenza di titoli ciclici e dell’industria tradizionale, mentre la politica fiscale e monetaria fa più fatica ad essere convincente sul fronte del sostegno alla ripartenza economica.

Alla delusione per la Bce di una settimana fa, da cui il mercato si aspettava di più, si è aggiunta la sentenza della Corte Costituzionale tedesca contraria agli acquisti della Bce, che tuttavia ha prontamente risposto mantenendo la rotta.

L’Europa comunque continua a tentare anche questa mattina l’aggancio a Wall Street, puntando sulla prospettiva di una rapida riapertura delle attività economiche. Supporta in questo senso il prezzo del petrolio, che consolida i livelli raggiunti dopo il poderoso rally degli ultimi giorni.

Per oggi è tutto, appuntamento a domani.