Fineconomy - Le borse resistono alle stime di caduta del PIL globale
Podcast15/04/2020

Le borse resistono alle stime di caduta del PIL globale

Mentre Wall Street ha ripreso la corsa della scorsa settimana con i tre indici principali in sostenuto rialzo dopo un lunedì incerto, le piazze azionarie di Asia e Europa reagiscono con compostezza alle stime del Fondo Monetario sull’impatto del coronavirus, che puntano a un dimagrimento del 5 per cento dell’economia globale. 

L’azionario americano ha ignorato l’avvio della stagione delle trimestrali, che ha visto i big del credito registrare forti, ma del tutto previste, flessioni degli utili nel primo trimestre. 
I dati economici e societari che continuano a uscire sono comunque già scontati dal mercato e possono addirittura offrire sorprese positive, come la bilancia commerciale cinese migliore del previsto di ieri. 

Gli investitori preferiscono guardare al futuro e scrutano i segnali che vengono dai governi dei principali paesi per una possibile riapertura delle economie dopo il blocco delle attività per l’emergenza coronavirus. 

In America la ripartenza è oggetto di discussione tra governatori degli Stati e la Casa Bianca, mentre in Europa la Germania si sta preparando a una graduale riapertura dell’economia. 

Oggi verrà pubblicato il dato sulle vendite al dettaglio in USA a marzo, ma probabilmente andrà in scena lo stesso copione visto per i dati sulla disoccupazione. Il mercato ha già scontato un pessimo dato, a causa del blocco delle attività economiche e sociali, e continuerà a guardare avanti. 

La positiva intonazione dei mercati è confermata anche dall’indice della volatilità, il VIX, che continua a calare a livelli che vedono più che dimezzati i picchi toccati a metà marzo nel culmine delle vendite irrazionali dettate dal panico.

Per oggi è tutto, appuntamento a domani.